Non c’è pace per l’Italia
del Rugby che ancora una volta sta mostrando il lato più brutto di sé nel 6
Nazioni. In uno dei tornei più importanti al mondo di rugby, la squadra diretta
da Franco Smith ha racimolato soltanto sconfitte nelle tre gare finora
disputate.

Anche l’edizione 2021,
quindi, si sta rivelando molto deludente per i colori italiani. La Nazionale di
rugby nelle tre partite fin qui disputate è stata spazzata via dalla Francia
all’esordio per 50-10, nel match disputato all’Olimpico di Roma.
Successivamente è arrivato un altro ko contro l’Inghilterra con il 41-18 patito
a Twickenham e infine il 48-10 inflitto dall’Irlanda sempre all’Olimpico.

Alla squadra di Smith
restano ora due gare per cercare di evitare il cucchiaio di legno e di
conseguenza anche il whitewash. I due titoli, per nulla ambiti, vengono
assegnati rispettivamente alla nazione che chiude all’ultimo posto il 6 Nazioni
e a quella che non ottiene nemmeno un successo.

L’Italia ha purtroppo “vinto”
gli ultimi cinque cucchiai di legno, inanellandone ben 15 dal 2000 ad oggi. Le
cose non vanno meglio con il whitewash, dove l’Italia, pur essendo stata
inserita nel 6 Nazioni ben dopo le altre partecipanti, occupa già terzo posto,
con ben 10 whitewash ottenuti in meno di venti anni.

Il 13 marzo l’Italrugby è
attesa dalla complicata sfida interna contro il Galles, mentre qualche speranza
potrebbe esserci per l’ultima gara in calendario, fissata per il 20 marzo al Murrayfield
Stadium contro la Scozia, che fin qui ha vinto solo una gara.