Conquistare la seconda vittoria consecutiva, la terza nell’arco di una settimana, per allontanare i bassifondi della classifica e piazzarsi a metà della graduatoria. Questo l’obiettivo dell’Italia Pallavolo, che – senza i big impegnati nella preparazione per le Olimpiadi – scende in campo questo pomeriggio contro l’Argentina. La sfida, ora di inizio alle 16:30 negli spazi della Fiera di Rimini, valevole per la settima giornata della Nations League, mette a confronto due squadre apparse in netta ripresa: da un lato l’Italia, reduce dalle vittorie al tie-break su Bulgaria e Canada (intermezzate dalla sconfitta contro l’Iran); dall’altro lato la nazionale argentina che ha sconfitto l’ostica Germania e l’Olanda.

Gli azzurri ripartono dall’ottima prima parte di gara contro il Canada, con i primi due set letteralmente dominati: da dimenticare, però, il vero e proprio black-out del terzo e quarto parziale, con la sfida che si poi è conclusa al tie-break vinto dagli italiani con un sofferto 15-11. Grande attesa, alla luce delle precedenti prestazioni, per elementi come lo schiacciatore Francesco Recine e l’opposto Grabiele Nelli, rispettivamente in forza a Piacenza e Belogor e capaci di mettere a referto 19 punti a testa. Occhio anche all’altro schiacciatore Mattia Bottolo e ai centrali Mosca e Cortesia. Probabili i rientri dello schiacciatore Michieletto e del regista (e capitano) Riccardo Sbertoli.

Ottimo momento per l’Argentina, capace di superare senza problemi l’Olanda dell’opposto di Modena Nimir Abdel Aziz. Tra i latini, occhio al capitano Luciano De Cecco (palleggiatore della Lube Civitanova) e allo schiacciatore Facundo Conte.

Le due squadre si sfidano per la sesta volta negli ultimi cinque anni: nei confronti recenti, vantaggio di un’Italia battuta in due occasioni e vittoriosa per tre volte, ultima il 3-2 nel 2019 in Coppa del Mondo.