La monoposto si presenta come evoluzione della vettura che ha fruttato sette doppiette consecutive piloti-costruttori. Resta la livrea nera, desiderio esplicito di Lewis Hamilton, ma torna l’argento sul retro della monoposto e qualche spruzzo di rosso. 

Sotto la direzione di Toto Wolff, la scuderia tedesca tenterà di dominare anche la prossima stagione di Formula 1, il cui via ufficiale è fissato il prossimo 28 marzo, data del Gran Premio del Bahrain. Sul circuito di Sakhir si disputeranno anche i test ufficiali, programmati dal 12 al 14 marzo. 

Il direttore tecnico della Mercedes, James Allison, ha svelato alcuni dettagli della monoposto. “Lasciando stare la power unit – ha detto Allison – la principale area di sviluppo è stata quella relativa dell’aerodinamica perché la maggior parte della struttura è quella dello scorso anno”. 

Alla guida della Mercedes la confermatissima coppia formata da Lewis Hamilton e Vallteri Bottas. Da quando si è formata, nel 2017, la coppia ha sempre vinto il mondiale costruttori. Nello stesso arco di tempo, Lewis Hamilton ha vinto 4 mondiali piloti (sono 7 in totale i titoli in Formula 1 del pilota inglese) mentre Bottas ha concluso al secondo posto le ultime due stagioni, dimostrando una crescita esponenziale in termini di affidabilità e rendimento. 

Hamilton si appresta a vivere la nona stgione alla guida della Mercedes: l’ottavo titolo mondiale lo renderebbe il pilota più vincente di sempre. Nessun problema il contratto annuale, siglato qualche giorno fa dopo settimane di rumors. “Sono motivato come non mai – ha spiegato il pilota inglese – la mia priorità è vincere l’ottavo titolo, Mercedes mi ha consentito di raggiungere tutto quanto mi ero preposto nella vita”.