L’attesa alla fine è stata ripagata. La Aston Martin dopo 60 anni ritorno in Formula 1 con una monoposto bellissima. Se sarà veloce lo dirà la pista, ma intanto Sebastian Vettel e Lance Stroll possono compiacersi: la scuderia inglese si è davvero superata. 

Verde acqua e nero, con una sottile linea rossa che circumnaviga l’abitacolo: la Aston Martin cattura lo sguardo per le linee eleganti, al punto che in molti l’hanno già ribattezzata come “Mercedes verde”. Al di là delle ironie, la scuderia inglese si presenta come outsider della stagione 2021 della Formula 1, che avrà ufficialmente inizio il prossimo 28 marzo con il Gran Premio che si disputerà sul circuito del Bahrein. 

I primi giri ci saranno oggi a Silverston, nei 100 kilometri consentiti per il filming day. Sarà il modo per consentire ai piloti di prendere confidenza con la monoposto, prima dei test ufficiali, che si svolgeranno, sempre sul circuito di Sakhir, in Bahrein, dal 12 al 14 marzo. La curiosità per le prestazioni della Aston Martin è alimentata anche dalla coppia di piloti che ne saranno gli alfieri. 

Sebastain Vettel è alla prima esperienza nel dopo Ferrari, con la fame di chi vuole dimostrare di avere ancora molto da dare alla Formula 1. Lance Stroll con i suoi 22 anni ha tutto da imparare dal pilota tedesco, anche se nell’ultima stagione ha conquistato la sua prima pole in Turchia, dimostrando di essere particolarmente abile sul bagnato. 

“Sono qui per vincere” ha ammesso Sebastian Vettel nella conferenza stampa a margine della presentazione. Una dichiarazione di intenti che chiarifica ancor di più la volontà della Aston Martin di essere tutt’altro che una comparsa nella prossima stagione di Formula 1.