Chissà quante volte avrà ripensato a quella semifinale del Roland Garros del 2018, Marco Cecchinato prima di scendere ieri in campo contro Dominic Thiem, avversario di quello Slam francese che sembrava potesse lanciare la carriera di Cecchinato verso grandi risultati. E invece la storia dell’italiano è stata ben diversa, perché da allora è iniziato un lento e inesorabile declino. Il siciliano, però, è riuscito quanto meno a prendersi la rivincita a Ginevra, battendo in due set Thiem. Certo, l’austriaco è ancora lontano parente del giocatore ammirato negli anni scorsi, ma si tratta di un risultato che fa morale, soprattutto dopo le tante sconfitte in serie inanellate da Cecchinato. L’azzurro giocherà oggi il suo secondo turno contro il polacco Kamil Majchrzak. Tra i due ci sono due precedenti, con una vittoria a testa.

Oggi esordirà sempre a Ginevra anche Fabio Fognini. La presenza del ligure è quanto meno strana, visto che la settimana prossima inizierà il Roland Garros, ma evidentemente l’azzurro ha valutato di dover giocare per prepararsi al meglio allo Slam. Avversario di turno sarà l’australiano Thanasi Kokkinakis, che su terra rossa non esprime di cero il suo miglior tennis. Tra i due c’è un solo precedente molto datato, quando nel 2015 vinse l’australiano. Il match più atteso di giornata è certamente quello tra il russo Daniil Medvedev, che torna a giocare dopo un’assenza di qualche mese, e Richard Gasquet.

Si gioca anche a Lione dove non ci sono italiani in tabellone. Oggi scenderà in campo la testa di serie n. 1 del torneo, ossia il britannico Cameron Norrie che se la vedrà contro l’argentino Francisco Cerundolo.