Lo schianto di Max Verstappen a cinque giri dalla fine aveva ribaltato un pronostico che fino a quel punto, con la Red Bull che aveva dominato la gara e Lewis Hamilton era apparso in difficoltà, incapace di superare Sergio Perez, sembrava tutto a favore del pilota olandese. Poi il ritorno in pista dopo la bandiera rossa, Hamilton che assaporava la fuga in classifica e l’incredibile lungo del campione del mondo, che ha chiuso il suo gp al 15esimo posto, hanno consegnato la vittoria a Sergio Perez, il podio ad un ottimo Sebastian Vettel, finalmente in palla con la sua Aston Martin, e il terzo gradino del podio ad uno strepitoso Pierre Gasly, protagonista per tutto il week end con la sua Alpha Tauri. Solo quarto Charles Leclerc, che partiva dalla pole ma che, come da pronostico, ancora una volta ha sofferto il passo di gara. Ottavo invece Carlos Sainz, anche lui autore di un lungo che ne ha compromesso il gran premio, fino a quell’errore decisamente sopra la sufficienza. 

Settimana di sosta per la Formula 1, visto che il gp del Canada è stato cancellato. Si ritornerà in pista nel week end che va dal 18 al 20 giugno con il go di Francia, settima tappa del mondiale. Venerdì 18 due sessioni di libere, la prima in programma alle 11:30, la seconda alle 15:00. Sabato 19 terza sessione di libere alle 12:00, mentre le qualifiche inizieranno alle 15:00. Domenica 20 giugno infine la gara, con il semaforo verde che scatterà alle 15:00.

“Mi piace guardare le cose nella loro globalità – ha raccontato nel post-gara Charles leclerc – e in questo senso stiamo facendo dei passi avanti, non dobbiamo scoraggiarci quando abbiamo una gara più difficile delle altre. Se guardiamo al passo non eravamo lontanissimi da Mercedes e Red Bull con la gomma dura verso metà gara, per cui ci sono tante cose positive. Detto questo non possiamo neanche essere contenti con il 4° posto, io sono qui per vincere così come tutto il team, però diamo tutto e sono sicuro che tra poco le vittorie arriveranno”.