Il settimo posto ottenuto a Sakhir è un’ottima base di partenza. Con la McLaren impegnata nella corsa al terzo posto, Daniel Ricciardo è convinto di potersi togliere qualche soddisfazione. Quest’anno il compagno di scuderia del 31enne pilota australiano è Lando Norris. Una line up che miscela esperienza e talento, competitiva per i primissimi posti anche secondo Andreas Seidl, team principal della scuderia inglese. Il gap dalla pole della McLaren sul circuito di Sakhir si è notevolmente ridotto rispetto al 2020. Merito della nuova power unit targata Mercedes, che ha regalato maggiore velocità alla monoposto di Ricciardo e Norris. Hamilton, tuttavia, è ancora di un altro pianeta. E Ricciardo lo ammette con una sincerità disarmante. 

“Nessuno di noi è mai stato nelle condizioni di sfidarlo per il titolo ha spiegato Ricciardo – ogni week end lotta per la vittoria, ha una pressione alla quale nessuno di noi è abituato”. Questo però non significa che Hamilton sia imbattibile. Anzi, spiega Ricciardo “possiamo batterlo, ma anche qualora dovesse succedere, tutti si chiederanno come mai non abbia vinto Lewis”. La Formula 1 accenderà i motori nel week end che va dal 16 al 18 aprile per il Gran Premio di Emilia Romagna, che si disputerà sul circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari. Venerdì 16 aprile due sessioni di prove libere, in programma alle 11:30 e alle 15:00. Sabato 18 aprile la terza sessione di libere alle 12:00, seguite dalle qualifiche, in programma alle 15:00. Domenica il Gran Premio, con inizio in programma alle 15:00. 

La competizione tra la McLaren e la Ferrari sarà uno dei temi di maggior interesse del Gran Premio, al pari del dualismo tra Red Bull e Mercedes. “La competizione mi guida – ha aggiunto Ricciardo – e anche se ho un compagno più giovane come Lando Norris, come mi era capitato nel caso di Max Verstappen, è una sfida e io la prendo volentieri. Ora sono in una fase nella quale mi chiedono se sono ancora in crescita o se sto già calando. Per questo voglio gareggiare per dimostrarlo“.