Sabato 13 marzo sarà l’ultima
volta che l’Italia del rugby calcherà il prato dell’Olimpico di Roma nel 6
Nazioni 2021. Gli azzurri se la vedranno contro il Galles, in predicato di
vincere il torneo e in grandissima ascesa anche nella classifica mondiale, dove
si è issato al quinto posto. La nazionale azzurra fin qui non è riuscita a
conquistare nemmeno un punto, rimediando anzi tre sconfitte perentorie contro
Inghilterra, Irlanda e Francia. Le speranze di poter interrompere la striscia
negativa contro il Galles sono ridotte al lumicino, anche se l’obiettivo finale
resta l’ultima gara del torneo da disputare in Scozia dove si cercherà di
evitare il cucchiaio di legno e di conseguenza anche l’ennesimo whitewash.

Per la sfida al Galles,
il selezionatore italiano Franco Smith ha diramato le convocazioni. Sono 32 i
giocatori chiamati per il raduno. Rispetto alla precedente tornata di
convocazioni, ci sono tre cambi. Marcello Violi, Edoardo Padovani e Daniele
Rimpelli hanno infatti preso il posto di Guglielmo Palazzani, Pierre Bruno e
Cherif Traorè. Ci sarà inoltre anche un invitato, ossia Andrea Zambonin, un classe
2000 che si sta mettendo in luce nel torneo nazionale.

Questo l’elenco completo
dei 32 convocati: Pietro Ceccarelli, Danilo Fischetti, Andrea Lovotti, Marco
Riccioni, Daniele Rimpelli, Giosuè Zilocchi, Luca Bigi, Gianmarco Lucchesi, Marco
Manfredi, Niccolò Cannone, Riccardo Favretto, Marco Lazzaroni, David Sisi, Michele
Lamaro, Maxime Mbandà, Johan Meyer, Sebastian Negri, Federico Ruzza, Callum
Braley, Marcello Violi, Stephen Varney, Tommaso Allan, Carlo Canna, Paolo
Garbisi, Mattia Bellini, Juan Ignacio Brex, Edoardo Padovani, Montanna Ioane, Federico
Mori, Luca Sperandio, Jacopo Trulla, Marco Zanon, Andrea Zambonin.